Un freno al gioco con le «slot» Ponte San Pietro limita di orari – Homepage – L’Eco di Bergamo

Sul fronte della dipendenza dal gioco, qualcosa si muove. Soprattutto il diffondersi, impressionante, delle slot machine comincia a destare preoccupazione. Sono tante le famiglie che chiedono aiuto per arginare questo fenomeno, e i sindaci cercano nelle maglie della legge il modo di far prevalere sugli interessi economici – anche dello Stato – preoccupazioni di «salute pubblica» sulle quali chi guida un centro di piccole-medie dimensioni è particolarmente sensibile. In Bergamasca il primo sindaco a sollevarsi pubblicamente contro una diffusione incontrollata delle slot è stato quello di Gromo, Luigi Santus: «Stiamo studiando – ha dichiarato qualche settimana fa – un’ordinanza che possa vietarne l’uso sul territorio comunale». Ma in sordina, alla fine dell’estate, si era già mosso il sindaco di Ponte San Pietro, restringendo un po’ gli orari del gioco. Giuliana Reduzzi esprime la sua «preoccupazione» per quest’abitudine «che purtroppo sta diventando sempre più diffusa. Temo soprattutto per i ragazzi, anche se sappiamo che il fenomeno coinvolge tanti capifamiglia».

viaUn freno al gioco con le «slot» Ponte San Pietro limita di orari – Homepage – L’Eco di Bergamo.

Ponte san Pietro – Cassa scaduta, assemblee all’ex Legler | Economia | Bergamo News

Dopo l’accordo siglato il primo dicembre a Bergamo (poi esperito l’esame congiunto alla Direzione Regionale del lavoro) con il quale si chiede un anno di cassa integrazione straordinaria connessa alla procedura di fallimento, per i lavoratori ex Legler, oggi Texfer, di Ponte San Pietro, mercoledì 15 dicembre, dalle�9.30 alle 10.30, sarà il giorno delle assemblee. Serviranno per conoscere nei dettagli la situazione dell’azienda tessile che, all’inizio della grave crisi che l’ha colpita, occupava quasi 500 persone.

viaPonte san Pietro – Cassa scaduta, assemblee all’ex Legler | Economia | Bergamo News.

Yara, Fikri oggi torna in libertà Ancora ricerche a Ponte San Pietro – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Come era stato preannunciato, questa mattina martedì 7 dicembre il gip Vincenza Maccora ha deciso per la scarcerazione di Mohammed Fikri, il marocchino 23enne bloccato la sera del 4 dicembre su un traghetto per Tangeri. Il giovane, fermato nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Yara Gambirasio con le accuse di sequestro, omicidio e occultamento di cadavere, sarà rilasciato a breve. Il gip ha convalidato il fermo e ha disposto la scarcerazione di Fikri, essendo venuti a mancare i gravi indizi di colpevolezza che avevano portato all’arresto del 23enne. Lunedì lo stesso pm aveva richiesto la scarcerazione così come l’avvocato della difesa Roberta Barbieri aveva chiesto la totale scarcerazione per mancanza di gravi indizi di colpevolezza.

viaYara, Fikri oggi torna in libertà Ancora ricerche a Ponte San Pietro – Cronaca – L’Eco di Bergamo.