IsolaNews | Ponte San Pietro: cinque candidati si contendono il titolo di primo cittadino | Cronaca locale | Notizie| Notizie dall isola bergamasca

Sarà, in definitiva, una partita a cinque quella che si disputerà nella campagna elettorale per il rinnovo della carica di Sindaco del Comune di Ponte San Pietro.

Sono stati, infatti, chiuse definitivamente, alle ore 12 di oggi, sabato 16 aprile, le presentazioni delle liste che tanto avevano agitato i movimenti politici di Ponte San Pietro nei giorni scorsi. Con la decisione, in ultima istanza, delle segreterie politiche dell’Italia dei Valori di confermare i rumours delle ultime ore e di non presentare, come era previsto, una propria lista, dunque, in cinque restano a contendersi la poltrona di primo cittadino

viaIsolaNews | Ponte San Pietro: cinque candidati si contendono il titolo di primo cittadino | Cronaca locale | Notizie| Notizie dall isola bergamasca.

Amministrative, la carica dei 109 Al voto 134 mila bergamaschi – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Amministrative, la carica dei 109 Al voto 134 mila bergamaschi – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Il piatto forte della tornata elettorale è Treviglio, con Ariella Borghi che tenta il bis. E gli altri Comuni big? A Caravaggio e Ponte San Pietro i leghisti Giuseppe Prevedini e Giuliana Reduzzi (a capo di una lista civica di centrosinistra) ci riprovano.

Elezioni in Bergamasca a maggio Chiuse le liste, al voto 37 Comuni – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Elezioni in Bergamasca a maggio Chiuse le liste, al voto 37 Comuni – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

PONTE SAN PIETRO
Lista Lega Nord: Valerio Baraldi
Lista Pdl, Udc e lista «Sicurezza, federalismo e tradizione per Ponte»: Luca Iencarelli
Lista «Idea comune»: Giuseppe Pinuccio Rota
Lista «Noi con voi per cambiare Ponte San Pietro»: Giacomo Rota
Lista «Giuliana Reduzzi»: Giuliana Reduzzi

Rota «correrà» per Ponte Lui si dimette, la Lega lo espelle – Cronaca – L’Eco di Bergamo

«L’altro giorno ho consegnato le mie dimissioni irrevocabili da vicesindaco e da consigliere comunale al mio sindaco Diego Locatelli. È stata una stupenda esperienza con tante soddisfazioni, ma da oggi il mio obiettivo e quello del mio gruppo è di governare Ponte San Pietro».

Rota «correrà» per Ponte Lui si dimette, la Lega lo espelle – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Brembate sopra – Il vicesindaco se ne va Correrà contro la Lega a Ponte | Isola | Bergamo News

Si è dimesso il vice sindaco di Brembate Sopra. Giacomo Rota ha lasciato l’amministrazione del poaese dell’Isola a un giorno esatto dal termine di presentazione delle liste che scenderanno in campo alle prossime elezioni. Sabato a mezzogiorno sarà ufficiale la sua candidatura a capo di una lista civica a Ponte San Pietro. Una decisione, quella di correre alle Amministrative, maturata nelle scorse settimane e che ha destato parecchi malumori nella Lega Nord. Il vicesindaco infatti si schiera apertamente contro la lista del Carroccio guidata da Valerio Baraldi, segretario di sezione. Rota, cercato più volte al telefono negli ultimi giorni, preferisce non commentare e aspettare l’ufficializzazione della candidatura prima di rilasciare dichiarazioni.

viaBrembate sopra – Il vicesindaco se ne va Correrà contro la Lega a Ponte | Isola | Bergamo News.

Ponte: No depliant patinati ma internet a scuola La protesta dei genitori sabato a Ponte – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Un rappresentante del Comitato Genitori di Ponte San Pietro ha inviato un’email in redazione per segnalare una diversa visione con l’Amministrazione comunale su come devono essere spesi i soldi pubblici: non un depliant patinato ma il collegamento internet a tutti i plessi scolastici. Ecco il testo della lettera quasi integrale.

«A ogni richiesta che avanziamo noi genitori all’Amministrazione per i bisogni della scuola, la risposta è sempre la stessa: “Non ci sono soldi”. E si è costretti a scendere a compromessi se non si vuole rinunciare completamente alla richiesta stessa. Proprio per questo, visto che crediamo nella scuola e riteniamo che vada sostenuta, ci siamo messi in gioco come Comitato Genitori e ci siamo mossi, organizzando vendite di torte per finanziare alcuni progetti scolastici».

«In questi giorno è stato distribuito alle famiglie dall’Amministrazione un libretto di una trentina di pagine interamente a colori intitolato “Comune di Ponte San Pietro, Bilancio mandato 2006-2001” che è costato a noi cittadini 10.932 euro (di sola stampa e distribuzione, come comunicato dall’ufficio segreteria).

viaNo depliant patinati ma internet a scuola La protesta dei genitori sabato a Ponte – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Fermati 17 tunisini a Ponte Erano scappati da Brindisi – Cronaca – L’Eco di Bergamo

Diciassette tunisini, che erano sbarcati a Lampedusa a metà marzo ed erano scappati dal Cio di Brindisi il 23 dello stesso mese, sono stati trovati in una cascina di Ponte San Pietro, in viale Marconi, quasi al confine con Brembate Sopra. Due di loro erano stati colpiti da provvedimento di espulsione.

C’erano già state segnalazioni nei giorni scorsi, ma si trattava di poche persone. I carabinieri sono intervenuti all’alba di martedì 12 aprile e hanno scoperto nella cascina, che era stata perlustrata ripetutamente all’epoca delle ricerche di Yara, 17 tunisini, tutti di sesso maschile e di età compresa tra i 19 e i 29 anni.

Gli extracomunitari, che avevano raggiunto Bergamo in treno e si erano appoggiati a conoscenze nella nostra provincia, sono stati condotti in caserma. Si sta valutando la situazione, per due di loro, già colpiti da un decreto di espulsione emesso a Caltanissetta, in Sicilia, potrebbe scattare l’arresto.

viaFermati 17 tunisini a Ponte Erano scappati da Brindisi – Cronaca – L’Eco di Bergamo.

Ponte: Emergenza immigrati – Da Lampedusa a Ponte San Pietro Scovati 17 clandestini tunisini | Provincia | Bergamo News

E’ questo il percorso, ricostruito con cura dai carabinieri, dei 17 giovanissimi clandestini di nazionalità tunisina trovati questa mattina (12 aprile) all’alba dai militari in un cascinale degradato di via Marconi a Ponte San Pietro. Luogo fatiscente, di proprietà di una famiglia del postoi, più volte ispezionato durante le ricerche di Yara Gambirasio, al confine con Brembate Sopra. I 17 tunisini, in pessime condizioni fisiche, affamati, dormivano su giacigli di paglia approssimativi. Per i carabinieri è stato semplice ricostruire tutti i loro spostamenti. I 17 immigrati clandestini, tra i 19 e i 29 anni, erano stati tutti fotosegnalati al loro arrivo a Lampedusa a metà marzo e al loro successivo passaggio a Brindisi. I militari, per quanto possibile, hanno sfamato i 17 immigrati al comando di via delle Valli, a Bergamo.

viaEmergenza immigrati – Da Lampedusa a Ponte San Pietro Scovati 17 clandestini tunisini | Provincia | Bergamo News.